martedì 2 giugno 2009

Cosa può insegnare (nota pubblicata su FB il 01/12/2008)

Ho appena visto un filmato assurdo sul corriere TV. In pratica all'università di Udine durante una assemblea studentesca un professore non meglio identificato a tentato di interrompere un intervento di Sabina Guzzanti in quanto a suo dire "non autorizzato". Il predetto professore si è comportato in maniera arrogante e assurda avrete modo di vederlo. Il mio stupore va al di là delle idee politiche. Spesso la Guzzanti esagera o può essere criticabile ma sicuramente tutto questo va al di là della semplice politica ma mostra come la nostra società è ormai veramente in bilico tra una vecchia democrazia e un pseudo elitismo ai limiti di una dittatura da burletta; dove tutte le voci fuori dal coro devono essere più o meno zittite in quanto ai limiti della sovversione.Mi chiedo inoltre, e forse è la considerazione più amara, come può una persona come quella essere un docente universitario, quello che alcune centinaia di ani fa veniva chiamato "maestro" inteso nel senso di colui che è in grado di dare l'esempio, ossia di mostrare la via maestra della vita.Io tutte le volte che entro in aula in facoltà mi pongo il problema di dare ai ragazzi una informazione corretta al di sopra delle mie idee personali (sempre presentandole e mai sconfessandole ma disponendomi alle critiche e al dibattito) e che in qualche modo possa essere loro utile a capire per quanto è nelle mie modeste possibilità un argomento o un tema sia inerente alla materia che insegno sia inerente a problemi più vasti e magari attuali (nelle mie aule sono sempre stati molto accesi i dibattiti sulle cellule staminali ad esempio); e tutto questo per una materia arida, scientifica, asettica. Ma chi insegna diritto, letteratura, filosofia ha l'obbligo, ripeto HA L'OBBLIGO morale di essere corretto, super partes e di essere un buon maestro. L'esempio del video è esattamente l'opposto; ossia come, a mio avviso, non deve essere la nostra classe di docenti universitari, anzi è l'esempio di quanto sia indispensabile riformare e svecchiare tutta la classe dirigente di questo povero, antico, meraviglioso paese.

Nessun commento:

Posta un commento