sabato 25 luglio 2009

Università o Diversità


Ieri il "ministro" Gelmini (le virgolette sono d'obbligo visto che in realtà siamo davanti ad un caso di pupazzo ventriloquo di ben altre logiche tremontiane e leghiste)ha esitato le famose pagelle degli atenei italiani e...incredibile dictu...la maggior parte degli atenei virtuosi sono del...NORD....
EVVIVA, EVVIVA come sempre l'operoso nord riesce a convogliare ulteriori finanziamenti e soldi togliendoli a chi...ma ovviamente a quella parte d'Italia che o per un motivo o per un altro risulta essere sempre l'ultima a venire in graduatoria nella quotidianità ossia il SUD.
Il primo pensiero va al di là delle valutazioni sulla reale situazione delle varie università, in quanto è indubbio che nelle università ci siano sprechi e usi incongrui dei fondi ma è anche vero che questa volta pupazzo Gelmini abbia adottato dei criteri assolutamente sballati per effettuare le valutazioni di merito.
Facciamo un esempio tenendo conto dell'Università di Macerata fanalino di coda delle gelminiane pagelle. L'università degli studi di Macerata è formata da 7 facoltà tutte di stampo umanistico (per capirci scienza della formazione, lettere e filosofia, scienze politiche...) è evidente che se io paragono l'università di Macerata rispetto al Politecnico di Milano quest'ultimo è sicuramente più in grado sia di captare finanziamenti esterni che di sfornare laureati che nel giro di tre anni dalla laurea hanno un posto di lavoro sicuro (ricordiamoci inoltre che pupazzo Gelmini ha sforbiciato in maniera radicale i posti nella scuola quindi mi chiedo un laureato in lettere che speranza ha di trovare lavoro dopo la laurea...mah!!!!) in compenso chi esce dall'università di Macerata magari sa parlare un ottimo italiano e ha letto qualche libro che va al di là di topolino mentre un bell'ingegnere del Politecnico come ad esempio Castelli della Lega riesce ne giro di massimo 10 parole ad infilare una media di 7-8 stupidaggini...per non parlare di Bossi che se non è andato al Politecnico ha comunque una formazione di tipo tecnico elettronico...si un diploma preso per corrispondenza alla scuola radio elettra...!!!!!!!!
Ritornando ai criteri risulta evidente che ci sia una discrasia tra i parametri di valutazione (rigidi ed inflessibili) e la realtà sul campo, perchè chi si occupa di ricerca in campi ingegneristici recupera un bel pò di danè grazie a progetti, brevetti e affini chi si occupa di materie umanistiche al massimo se proprio gli va bene ottiene alla fine della sua vita qualche premio letterario sempre che abbia deciso di scrivere un romanzo e non un saggio (il romanzo deve essere giallo e stupido in maniera da essere letto anche dai leghisti se no mica va bene...troppo complicato...).
Tenuto conto di queste premesse mi chiedo ma per quanto tempo ancora dobbiamo essere ostaggio in Italia di un partito come la Lega nord formata da ignoranti buffoni con la camicia verde che però ormai decidono della nostra quotidianità?

1 commento:

  1. mi batto il petto in segno di pentimento: quante volte in tempi che sembrano di un'altra era ho criticato ferocemente la dirigenza democristiana che ci ha governato per generazioni...
    ma almeno quelli erano (quasi) tutti laureati in legge, lettere,filosofia...
    uno si e uno no era docente all'universita'...
    come ci siamo ridotti... governati da uno che ha preso il diploma per corrispondenza!!!

    RispondiElimina