venerdì 28 agosto 2009

Ritorno da un altro mondo


Appena tornato da un periodo negli USA mi rendo conto che nella nostra povera italietta tutto va giù a rotta di collo. Fra migranti assassinati da decreti legge e vari ricatti leghisti siamo un paese da operetta.
Alcuni piccoli segnali mi fanno capire che oggi per noi poveri abitanti del centro sud italia necessita avere il passaporto per accedere alla padania (si la padania quel gruppo di regioni che una volta facevano parte di un paese sovrano chiamato Italia e che oggi si vanno sempre più separando), inoltre diventa sempre più indispensabile cercare di non essere multietnici, vige sempre più il concetto della purezza della razza padana comprensiva di dialetto, propria televisione (fiction sottotitolate, telegiornali in lingua) etc. etc.
Insomma le rivendicazioni di Bossi e compagni stanno imperversando come e peggio di un uragano (Katrina è una stupidaggine in confronto), e mentre nel mondo si parla di cose serie noi ci ritroviamo a discutere solo di stupidaggini.
In America si sente palpabile la voglia di superare una crisi rimboccandosi le maniche e anche se lì i problemi ci sono e molto gravi (sono stato a Detroit e mi sono reso conto che il più grande polo automobilistico del mondo si trova in una vera e propria città fantasma tante sono le case abbandonate ed in vendita) però c'è la volontà di andare avanti e ritrovare una vita normale.
Invece noi parliamo di meritocrazia e poi un pluribocciato si permette di insultare persone solo perchè, meno fortunate di lui, si trovano costrette a lasciare i loro paesi in cerca di fortuna e di un futuro migliore. Il colore della pelle non c'entra il grave e che si tratta di persone offese da un...ignorante, analfabeta

Nessun commento:

Posta un commento